( english version )
Architettura tecnica ( 5 CFU )
Professore: DA ASSEGNARE

Finalità
Il corso di Architettura Tecnica A per gli allievi ingegneri civili della laurea triennale mira a fornire le conoscenze di base per l’elaborazione di un progetto in campo edilizio. Il corso si struttura attraverso una serie di lezioni teoriche sull’organismo architettonico e sul sistema edilizio, in particolare il sistema tecnologico (circa 32 ore), ed una serie di esercitazioni progettuali in classe (circa 16 ore).

Programma
Il ciclo di lezioni è suddiviso in 10 parti, ciascuna di circa 3 ore.
1. Il campo dell’Architettura tecnica. Il concetto di organismo e struttura in architettura. La tipologia edilizia
2. L’edificio come sistema (o sub-sistema) tecnologico: classificazione delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici. I concetti di modello funzionale e soluzioei conforme. La normativa tecnica in edilizia. La normativa esigenziale-prestazionale. I concetti di requisito e prestazione. La qualità e le verifiche di qualità.
3. Il terreno di fondazione. Le strutture di fondazione: strutture di fondazione dirette e indirette. Classificazioni, modelli funzionali ed alternative tecniche.
4. Le strutture di elevazione verticali: strutture a telaio. Classificazioni, modelli funzionali ed alternative tecniche. Le azioni sulle costruzioni.
5. Cenni alle norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica. I materiali: cemento, conglomerato cementizio armato e acciaio.
6. Cenni alle norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura. Cenni alle norme tecniche per le costruzioni sismiche. I materiali: il laterizio.
7. Le strutture di elevazione verticali: strutture ad arco, strutture a parete portante. Classificazioni, modelli funzionali ed alternative tecniche.
8. Le strutture di elevazione orizzontali ed inclinate: strutture per impalcati piani, strutture per coperture inclinate, scale. Classificazioni, modelli funzionali ed alternative tecniche. I materiali: il legno.
9. Le chiusure verticali: pareti perimetrali verticali, infissi esterni verticali. Modelli funzionali ed alternative tecniche.
10. Le chiusure orizzontali inferiori: solai a terra. Modelli funzionali ed alternative tecniche. Le partizioni interne orizzontali: solai intermedi. Modelli funzionali ed alternative tecniche.

Attività d'esercitazione
L’esercitazione consiste nell’elaborazione in classe, durante esercitazioni progettuali, di un progetto preliminare di un edificio situato in uno specifico contesto urbanistico e territoriale. Si fa riferimento alle norme stabilite dal Regolamento Edilizio comunale ed alle principali normative regionali e nazionali in campo edilizio. Il progetto viene svolto da gruppi di lavoro 2-3-4 persone.

Modalità d'esame
L’esame si compone di una prova scritta e di prove di esercitazione. La prova scritta si basa su un test elaborato in base agli argomenti teorici svolti a lezione. Per essi vengono fornite dal docente le dispense. La prova orale consiste nella breve discussione finale e collegiale del lavoro svolto in gruppo durante le esercitazioni in classe. A scelta dello studente il lavoro in classe può essere integrato da lavoro svolto a casa su base CAD, in previsione dello sviluppo del progetto nella laurea specialistica.
La valutazione finale deriva dal voto in trentesimi della prova scritta, aumentato di un punteggio (da 1 a 4) derivato dal giudizio sull’attività di esercitazione.



Testi d'approfondimento
La consultazione delle fonti bibliografiche è utile come approfondimento dei temi affrontati durante il corso, anche se non strettamente necessaria:
Testi di riferimento generali
 *AA.VV., Manuale di progettazione edilizia, Fondamenti, strumenti, norme, 6 volumi, Hoepli, Milano, 1995; in particolare vol. 4, Tecnologie:requisiti, soluzioni esecuzione, prestazioni.
 *Caleca, Luigi, Architettura Tecnica, 4° edizione, Dario Flaccovio Ed., Palermo, 1988.
 *Carbonara P., Architettura Pratica, V voll., UTET, 1969.
Vol. 1,2 Composizione degli edifici, la casa di abitazione
Vol V Costruzione degli edifici, tomo primo, la produzione edilizia, la progettazione architettonica, 1976
 *CNR, Manuale dell’architetto, 1953, ristampa anastatica 1990.
 *Salvadori M., Heller R., Le strutture in architettura, ETAS Kompass, Milano , 1963.
 *Tagliaventi I., L’organismo architettonico, Vol. I Sistemi e strutture, Clueb, Bologna, 1988.
 *Zevi B. (a cura di),Il nuovo manuale dell’Architetto, Mancosu Editore, 1996.
 Riferimenti legislativi e normativi (ricerca su Internet e materiale fornito dal docente)
Testi di riferimento sugli elementi di fabbrica e sui dettagli costruttivi
 *Latina C., Muratura portante in laterizio, tecnologia, progetto,, architettura, Ed. Laterconsult, Roma, 1994.
 *Grande Atlante di Architettura, UTET
1 Atlante del Cemento, Kind-Barkaustas F., Polonyi S., Kauhsen B., Brandt J., , 1998,
2 Atlante del Legno, Natterer J., Herzog T., Vola M., 1998,
3 Atlante della Muratura, Bela W., Rosele K., Hoffmann W., Jenisch R., Pohl R., Reichert H., 1998,
4 Atlante dei Tetti, Schunk E., Finke T., Jenisch R., Oster H.J., 1998,
5 Atlante delle Terrazze, VonBusse H., Waubke N.V.,Grimme R., Mertins J., 1999,
6 Atlante del Vetro, Schiltich Ch., Stab G., Balkow D., Schuler M., Sobek W., 1999,
7 Atlante dell’Acciaio, Schulitz, Sobek W., Habermann K.J., 1999.
8 Piante degli Edifici, Schneider F., 2000,
 *Rivista Modulo
 *Rivista Costruire in laterizio
 *Inoltre si segnala la presenza di varie monografie di Architetti e delle riviste Casabella e Domus.

* presso la biblioteca della Facoltà di Ingegneria
 
stampa il programma ~ torna indietro