( english version )
Disegno ( 9 CFU )
Prof. Chiara Vernizzi
     Tel. 0521-905936 - Fax. 0521-905924           E-mail. chiara.vernizzi@unipr.it

Finalità
L’obiettivo del corso è rendere gli allievi ingegneri capaci di tradurre in rappresentazioni normativamente corrette i modelli geometrici tridimensionali propri dell’edilizia e dell’architettura, nonché di saper comprendere gli stessi dalla lettura dei disegni tecnici e della cartografia, attraverso lo studio e l’applicazione dei metodi di rappresentazione della geometria descrittiva.

Programma
La prima parte del corso è svolta attraverso lezioni teoriche il cui contenuto è composto essenzialmente dai temi della Geometria Descrittiva per fare conoscere le diverse modalità proiettive attraverso cui si possono elaborare i disegni, al fine di omogeneizzare le capacità espressive di allievi provenienti da diversi percorsi didattici medio-superiori.
In dettaglio gli argomenti trattati saranno i seguenti: le geometrie del piano; Le principali costruzioni grafiche del piano. Proiezioni Ortogonali: La rappresentazione degli enti geometrici fondamentali (punto, retta, piano); Condizioni di appartenenza, parallelismo e ortogonalità; Punti rette e piani in posizioni particolari; Ribaltamenti di piani particolari e generici. Vera grandezza di figure piane.Problemi di misura. Proiezioni Quotate: concetti di base – retta di massima pendenza, rette di livello – condizioni di appartenenza, ortogonalità, parallelismo – problemi metrici. Applicazioni: Piano quotato, piano a curve di livello. Proiezioni Parallele o Assonometriche: teorema di Pohlke
Assonometria ortogonale e Assonometria obliqua. Rappresentazione degli enti geometrici fondamentali.
Condizioni di appartenenza, parallelismo. Intersezioni. Proiezioni Centrali: cenni teorici e terminologia. Prospettiva Centrale. Prospettiva Accidentale. Prospettiva Razionale. Teoria delle Ombre: cenni teorici e terminologia. Tipologia di sorgenti luminose: puntiforme e parallela. Ombre in Proiezione Ortogonale; ombre in Assonometria; ombre in Prospettiva. Applicazioni Omologiche: cenni teorici ed elementi dell’omologia. Tipi di omologia. Applicazioni omologiche nelle proiezioni ortogonali, parallele, centrali e nella teoria delle ombre.

Per consentire l’apprendimento continuo e progressivo dei sistemi di rappresentazione si svolgeranno parallelamente le esercitazioni che consisteranno nella elaborazione di tavole grafiche, che verranno costantemente corrette, e i cui temi seguiranno esattamente quelli delle lezioni, per poter verificare insieme nei laboratori di Disegno l’apprendimento dei metodi di rappresentazione.

La seconda parte del corso è svolta attraverso gruppi di lezioni che saranno sviluppate in parallelo: da un lato, le lezioni inerenti la rappresentazione dei tipici temi dell’Ingegneria Civile alle diverse scale di rappresentazione (territorio, città, strutture edilizie e architettura, fino alle scale esecutive); dall’altro, si svolgeranno alcuni laboratori di disegno automatico, che si terranno nei Laboratori di Informatica di Base, per introdurre gli studenti alle metodologie ed alle problematiche di rappresentazione informatizzata.
In dettaglio, le esercitazioni saranno così articolate:
Il disegno del territorio: scale di riduzione e metodi di rappresentazione – Analisi da svolgersi sul paesaggio: naturale, antropica, storica, toponomastica, visivo/percettiva.
Il disegno della città: scale di riduzione e metodi di rappresentazione – Simbologie specifiche per gli interventi nei centri storici - Norma UNI 7310/74 – Rappresentazione delle cortine edilizie, tradizionale e sintetica
Il disegno dell’architettura: formati UNI – tipi di linea e spessori convenzionali - dal progetto di massima al progetto esecutivo: organizzazione degli elaborati - scale di rappresentazione e finalità della stessa – inquadramento territoriale – planimetria generale – piante – prospetti – sezioni – particolari – i metodi di quotatura - legende – rappresentazione di tetti, orditure di copertura, volte, scale, serramenti
Il rilievo dell’architettura: definizioni – metodi di rilevamento: diretto, strumentale, fotogrammetrico – eidotipi di piante, alzati, sezioni, particolari architettonici/costruttivi – metodi di misurazione – restituzione grafica manuale e informatizzata: metodologie e problematiche – rilievo geometrico e rappresentazione di tematismi
Il disegno esecutivo e degli impianti: elaborati e scale di riduzione utilizzati – fondazioni – costruzioni in cemento armato e in muratura – tamponamenti – volte e coperture – scale – infissi ed opere in vetro – finiture interne ed esterne – impianti
I laboratori di Disegno automatico si svolgeranno presso i Laboratori di Informatica di Base della sede didattica di Ingegneria e saranno costituiti da comunicazioni atte a fornire le nozioni di base sull’utilizzo delle strumentazioni informatiche volte alla restituzione grafica degli elaborati.
Vista la sua larga diffusione, la scelta del software con cui eseguire le esercitazioni è caduta su AutoCAD. Durante le esercitazioni saranno spiegate le nozioni fondamentali e i comandi essenziali affinchè sia possibile procedere alla realizzazione di qualsiasi tipo di disegno bidimensionale. Queste esercitazioni saranno verificate con l’assegnazione di un’esercitazione grafica da effettuare grazie alle nozioni acquisite e che sarà parte integrante dell’argomento di esame.

Attività d'esercitazione
Le esercitazioni saranno realizzate con strumenti grafici tradizionali (fogli bianchi formato A2 - 59.4 x 42 cm -), matite, squadre graduate, compasso, curvilineo, gomme, ecc.). A conclusione dei laboratori di CAD sarà realizzata un’esercitazione che prevede l’applicazione dei comandi principali del programma di Disegno utilizzato, nonché dei principi della rappresentazione dell’edilizia alle diverse scale.

Modalità d'esame
Al termine delle lezioni dedicate alla Geometria Descrittiva, verrà effettuata in aula una prova ex tempore sui contenuti di questo primo ciclo di lezioni. Al termine delle lezioni verrà effettuata una prova orale (previa revisioni obbligatorie degli elaborati da parte della docenza).

Propedeuticità
Nessuna.

Testi consigliati
M. Bocconcino, A. Osello, C. Vernizzi: Il Disegno e l’Ingegnere - Disegno e Geometria Levrotto e Bella, Torino, 2006.
G. Ceiner: Teoria delle Ombre, II vol. de Il Disegno e l’Ingegnere, Levrotto e Bella, Torino, 1991.
C. Vernizzi: Parma e la via Emilia. Città storica, città moderna e asse fondativo: rilievo e rappresentazione, Mattioli 1885, Fidenza, 2004.

Testi d'approfondimento
M. Docci: Teoria e pratica del disegno, Editori Laterza, Roma-Bari, 1996
C. Cundari: Il Disegno. Ragioni. Fondamenti. Applicazioni., Edizioni Kappa, Roma, 2006.
 
stampa il programma ~ torna indietro